Stato della causa del cartello degli autocarri nei Paesi Bassi, gennaio 2022

Pubblicato

Il 20 settembre 2021 i nostri avvocati olandesi (dello studio legale STEK) hanno partecipato all’udienza formale del tribunale distrettuale di Amsterdam. Il tribunale ha discusso una serie di questioni procedurali importanti per il procedimento, ma anche lunghe.

A questo punto vorremmo sottolineare due fatti importanti sui quali è stato raggiunto un accordo:

I nostri casi sono finiti nel primo lotto su tre.

Come già riferito, i querelanti sono stati divisi in diversi gruppi. Ciò era necessario affinché il tribunale potesse occuparsi dell’enorme numero di casi e dati. In base a questa disposizione, alcune rivendicazioni successive possono “scavalcare” quelle precedenti. La Corte ha deciso che la priorità viene data alle rivendicazioni presentate da attori le cui rivendicazioni sono già incluse in uno dei gruppi di attori precedenti. Dato che LitFin è uno di questi querelanti, tutte le nostre cause presentate in seguito saranno incluse nelle richieste presentate in precedenza. Questo si tradurrà in un pagamento anticipato del risarcimento per i nostri clienti.

Per quanto riguarda le aspettative di tempo generali, non c’è da meravigliarsi che la parte avversa stia cercando di guadagnare più tempo possibile. Ai convenuti è stato dato un termine di un anno dalla chiusura del terzo lotto, quindi saranno ascoltati dalla Corte fino al 7 dicembre 2022. Tuttavia, è un fatto positivo che ai querelanti sia stato permesso di chiedere congiuntamente chiarimenti su alcune questioni (ad esempio procedurali) nel periodo intermedio. 
In questo modo l’intero periodo a venire non sarà sprecato in un’attesa inutile.

La Corte ha anche sottolineato che, mentre ogni gruppo di ricorrenti ha un team di 10-15 avvocati, solo tre giudici e due segretari di corte si stanno occupando del caso dalla parte della Corte. La Corte ha quindi chiesto agli attori di avere pazienza.

Stiamo anche cercando il momento più strategico per iniziare le trattative di conciliazione e la terremo informata sugli ulteriori sviluppi.

Do you have a question?
Ask our experts!


Recent developments