Scania ha presentato ricorso

Pubblicato

Come da noi riportato in precedenzala Commissione Europea ha multato Scania per 880 milioni di euro nel 2017 per la sua responsabilità nel cartello degli autocarri dopo che Scania, a differenza di altri 5 produttori di camion, non ha collaborato alle indagini sulla frode.

L’appello di Scania contro la decisione della Commissione Europea è stato respinto integralmente il 02 febbraio 2022 (caso numero T-799/17).

Scania ha ora colto l’ultima occasione per appellarsi ancora una volta davanti alla Corte di Giustizia Europea (ECJ), (causa C-251/22).

I motivi del ricorso non sono ancora noti. Per il momento si sa solo che il ricorso è stato depositato, ma l’avviso dettagliato del ricorso stesso non è ancora stato pubblicato.

Quest’ultimo appello non ha un impatto diretto sul procedimento in corso contro i membri del cartello. Alla luce delle prove chiare e delle confessioni degli altri cinque membri del cartello, le possibilità di Scania di vincere l’appello sono tali da poter essere ignorate.

Importante da ricordare, la possibilità di prescrizione contro Scania è stata annullata. Ciò significa che Scania sarà responsabile dei danni per altri 5 anni dopo la fine del procedimento di appello nel 2023 o 2024.

E questo non vale solo per i camion Scania, poiché i membri del cartello sono responsabili in egual modoOgni membro del cartello può essere ritenuto pienamente responsabile per ogni acquisto (anche da un concorrente).

Do you have a question?
Ask our experts!


Recent developments