Mercedes ha accantonato oltre 1 miliardo di euro per prepararsi a controversie e rischi legali

Pubblicato

Sebbene i produttori di autocarri siano estremamente reticenti (per ragioni comprensibili) in merito alle richieste di risarcimento in corso da parte del cartello degli autocarri, in background hanno già dovuto fare i conti con le conseguenze probabilmente inevitabili.

Questo è almeno indicato dai conti annuali del Gruppo Mercedes Benz, in cui ha già effettuato un accantonamento sostanziale (più di 1 miliardo di euro) per le controversie e i rischi legali, che ha dovuto sostenere (anche se ha cercato di essere criptico) con spiegazioni dettagliate in conformità alle norme contabili. La loro motivazione è comprensibile, perché se non l’avessero fatto, avrebbero potuto essere citati in giudizio in futuro per aver ingannato i loro azionisti.

Mercedes-Benz Group AG (ex Daimler AG) ricorre ancora alla regola contabile IAS 37 (nascondere per cosa esattamente si sono fatti gli accantonamenti) e rivela 1.070 miliardi di euro di accantonamenti.

Di seguito sono riportate le spiegazioni contenute nel rapporto annuale di Daimler Truck

Procedimenti antitrust (comprese le richieste di risarcimento danni)

Mercedes-Benz Group AG (ex Daimler AG), in quanto ex società madre di Daimler Truck AG, è stata destinataria di un procedimento antitrust avviato dalla Commissione Europea. Nel luglio 2016, la Commissione Europea ha emesso una decisione di transazione contro l’allora Daimler AG e altri quattro produttori europei di autocarri per il loro coinvolgimento in un comportamento anticoncorrenziale che costituiva una violazione delle norme antitrust europee per quanto riguarda la determinazione dei prezzi e il trasferimento dei costi di conformità alle normative sulle emissioni più severe per gli autocarri.

La Commissione europea ha rilevato che Daimler AG ha partecipato agli accordi in questione dal 17 gennaio 1997 al 18 gennaio 2011.

La multa imposta a Daimler AG nella decisione di transazione della Commissione Europea ammonta a circa 1,09 miliardi di euro ed è stata pagata interamente nel 2016.

La stessa Daimler scrive nel suo rapporto annuale:

“In seguito alla decisione di transazione della Commissione Europea, sono state intentate o avviate cause, azioni collettive e altri rimedi legali in diverse giurisdizioni per chiedere i danni ai clienti diretti e indiretti dei camion. Le richieste di risarcimento danni presentate potrebbero comportare una responsabilità significativa per il Gruppo Daimler Truck, nonché costi significativi per le misure di difesa necessarie. Ciò potrebbe avere un effetto negativo rilevante sull’attività e sulla condizione finanziaria del Gruppo.

In relazione alle violazioni antitrust sopra descritte, le principali azioni legali (compresi alcuni tipi di azioni collettive o di classe) sono in corso o sono state avviate in Germania, Regno Unito, Paesi Bassi e Spagna. Sono in corso cause legali anche in altri Paesi europei e in Israele (circa 20 Paesi in totale).

Il Gruppo Daimler Truck sta intraprendendo le opportune azioni legali per difendersi dalle cause.

Poiché i procedimenti legali sono soggetti a notevoli incertezze, è possibile che gli accantonamenti effettuati per essi si rivelino insufficienti in alcuni casi a seguito delle decisioni definitive nei procedimenti. Di conseguenza, potrebbero sorgere notevoli spese aggiuntive. Questo vale anche per i procedimenti legali per i quali, dal punto di vista del Gruppo, non è stato necessario effettuare alcun accantonamento.

Non si può escludere che i suddetti rischi derivanti da normative e procedimenti legali, singolarmente o nella loro totalità, possano avere effetti negativi significativi sugli utili, sulla situazione finanziaria e patrimoniale del Gruppo o dei segmenti.

Sebbene l’esito finale dei singoli procedimenti legali possa influire sui risultati delle operazioni e sui flussi di cassa del Gruppo in un determinato periodo di riferimento, il Gruppo non ritiene che le eventuali passività risultanti avranno un effetto negativo rilevante sulla posizione finanziaria del Gruppo Daimler Truck”.

Altri produttori di autocarri sono giunti a una conclusione simile, secondo le loro relazioni annuali.

Alla luce di tre sentenze della Corte di Giustizia Federale, la valutazione è abbondantemente ottimistica e non supportata dai fatti, secondo i nostri esperti.

Do you have a question?
Ask our experts!


Recent developments