Le aziende statali, i comuni e le società pubbliche – sono davvero obbligate a chiedere i danni ai produttori di autocarri?

Pubblicato

Spesso viene posta la domanda: le aziende statali, i Comuni e le loro aziende municipali, nonché le società per azioni, a differenza delle aziende private, sono legalmente obbligate ad avviare una procedura di risarcimento contro i produttori di camion del cartello prima della fine del 2022, come si aspettano i proprietari?

Il Dr. Werner A. Meier, esperto dello studio legale Marzillier, Dr Meier & Dr Guntner, ci ha aiutato a capire la questione:

“Prima di tutto, va notato che queste persone giuridiche sono effettivamente obbligate dai regolamenti comunali a valutare se sia necessario adottare misure per preservare il patrimonio in conformità con i principi della gestione fiscale. Pertanto, non possono rinunciare alle entrate supplementari disponibili, sia per mancanza di informazioni che per altri ostacoli amministrativi.

Dal 2018, la situazione è stata notevolmente semplificata, in quanto le società di finanziamento delle controversie che operano sul mercato ora esentano i clienti dal 100% dei costi iniziali e da qualsiasi controcosto in caso di procedura infruttuosa.

L’unica cosa di cui bisogna essere consapevoli è che, a causa della prescrizione, le richieste di risarcimento possono essere presentate solo per gli acquisti di autocarri nuovi tra il 2007 e il 2016 (autocarri medi e pesanti di DAF, Iveco, MAN, Mercedes, Renault, Scania e Volvo) e che questa opzione è disponibile solo fino alla fine del 2022, quando la maggior parte delle richieste di risarcimento sarà prescritta.

Se i loro regolamenti li obbligano a farlo, devono scegliere il partner a cui affidare il lavoro in una gara d’appalto aperta”. 

Do you have a question?
Ask our experts!


Recent developments